Focaccia dolce con l'uva

Gli impasti lievitati, addolciti, oggi, come in passato, sono la base di tante preparazioni, una più buona dell'atra, basti pensare al pan dolce ligure, al famoso panettone, pandoro...

Un pasta-pane, con l'aggiunta di un pizzico di zucchero o di miele, di frutta secca o fresca, diventa un dolce vero e proprio, succulento e goloso.

In Toscana, da tempi immemori, preparano il pan coll'uva, che in alcune zone prende il nome di schiaccia o schiacciata con l'uva. Un dolce povero, preparato principalmente al tempo della vendemmia o per le sagre contadine che oltre alla pasta prevede olio d'oliva, zucchero ed uva nera (canaiola, dai chicchi piccoli e con molti semi, poco adatta alla vinificazione).

Traendo spunto da questa ricetta, ho fatto un po' a modo mio...

Happy Cooking!

Ingredienti

500 g di farina

15 g di lievito di birra

70 g di zucchero

40 ml di olio extra vergine d'oliva

Sale

Per il condimento:

1 Kg di uva nera

100 g di zucchero

60 ml di olio extra vergine d'oliva

Procedimento

Mettere la farina nella ciotola del robot da cucina. Aggiungere il lievito fresco, lo zucchero e azionare la macchina per miscelare gli ingredienti.

Aggiungere acqua a sufficienza per fare un impasto morbido (circa 280 ml), quindi unire l’olio d'oliva e due cucchiaini di sale. Trasferire l'impasto sul piano di lavoro e lavorarlo per poco tempo, se risulta appiccicoso aggiungere della farina. Trasferirlo in un recipiente oliato, coprire con pellicola e lasciare lievitare fino al raddoppio, circa 1 ora e mezza.

Scaldare il forno a 190°C.

Ungere una teglia rettangolare da forno.

Capovolgere la pasta sul piano di lavoro leggermente infarinato. Stendere la pasta e trasferirla nella teglia. Ungerla con l’olio rimanente. Coprire con l’uva, ben lavata, e spargere lo zucchero.

Premere leggermente i chicchi d’uva e fare lievitare per 30 minuti.

Cuocere circa 30 minuti, fino a quando l’impasto risulterà dorato e l’uva avrà rilasciato il succo.

 

Insegnante di cucina, in Italia e all’estero. Organizzo piccoli e grandi eventi, amo ricevere amici a casa, per me ogni singolo giorno è speciale, e mi piace rendere sontuoso anche il piatto più semplice. Amo i colori, e non potrei mai fare a meno dei fiori. Adoro viaggiare, andare per negozi e mercati alla ricerca di accessori per la casa e le mie tavole. Colleziono piatti, tazze, tessuti, biancheria e… libri di cucina!