Gnocchi gratinati

È arrivata da Salerno. È di bufala. Ha anche un sapore particolare... É la provola affumicata!

Si tratta di un formaggio ottenuto dalla trasformazione di latte crudo vaccino. Il suo nome deriva dal fatto che era la "prova" cioè il campione che veniva immerso nell'acqua bollente per stabilire se la cagliata era pronta per la filatura.

Per ottenere una pasta più consistente, la provola viene messa in un ambiente chiuso a contatto con fumo di paglia umida bruciata ma utilizzando esclusivamente latte di bufale.

Come l'ho usata? Per gratinare degli gnocchi di patate che avevo preparato tempo fa e riposti in freezer (consiglio di sbollentarli prima di congelarli) e quindi conditi con salsa di pomodoro e basilico.

Il super ingrediente ha cambiato totalmente il gusto di un piatto già buono di suo, conferendo quel particolare sapore d’affumicato. Golosissimo. 

Happy cooking!

Ingredienti

Per 6 persone

1.5 Kg di gnocchi di patate

Per il sugo:

500 ml di passata di pomodoro

200 g di pomodori pelati a pezzetti

Mezza cipolla

1 carota piccola

½  gambo di sedano

Basilico fresco

Olio extra vergine d'oliva

Sale

1 mozzarella di bufala affumicata (250g)

Parmigiano reggiano grattugiato

Procedimento

Mettere in una casseruola la passata di pomodoro e i pomodori a pezzetti con la cipolla, la carota ed il sedano. Portare ad ebollizione, abbassare la fiamma e fare cuocere la salsa per circa 1 ora, fino a quando le verdure risulteranno cotte. Aggiustare di sale. Eliminare il gambo di sedano e frullare il tutto insieme a 2-3 cucchiai di olio extra vergine d'oliva. Insaporire con foglioline di basilico.

Scaldare il forno a 200°C.

Cuocere gli gnocchi in acqua bollente salata, scolarli e condirli con il sugo.

Disporre in una pirofila da forno.

Coprire con pezzetti di mozzarella, spargere un po’ di Parmigiano.

Far gratinare in forno caldo per 15 minuti circa.

 

Insegnante di cucina, in Italia e all’estero. Organizzo piccoli e grandi eventi, amo ricevere amici a casa, per me ogni singolo giorno è speciale, e mi piace rendere sontuoso anche il piatto più semplice. Amo i colori, e non potrei mai fare a meno dei fiori. Adoro viaggiare, andare per negozi e mercati alla ricerca di accessori per la casa e le mie tavole. Colleziono piatti, tazze, tessuti, biancheria e… libri di cucina!