Pasta alla carbonara

Oggi ci vuole una bella Carbonara! E’ troppo buona, nella sua squisita semplicità.

Sono molte le leggende che circolano intorno alle origini di questo piatto, ma nessuna certezza. Di sicuro c'è che la diffusione di questo piattosia stata dapprima intorno a Roma, e di lì ha preso il via per volare lontano. Ogni luogo ha portato varianti, e dal tradizionale pecorino romano si è passati al Parmigiano reggiano o Grana Padano. Dal guanciale si è passati alla pancetta: è vero che in molte parti d'Italia è difficile trovare il guanciale, ma per favore niente bacon! Meglio scegliere la pancetta stesa, non affumicata, anche se a Roma vi direbbero "La carbonara senza guanciale è come se fai un battesimo e nun te porti 'er ragazzino..." 

Infine, c'è chi aggiunto... la panna!!! No, la panna no, proprio non va con la carbonara!

Ho nel mio cuore il ricordo di quella di mio padre, favolosa. Lui non entrava in cucina, se non per far felici noi piccoli con la sua ricca, super ricca carbonara (mamma era più parsimoniosa nei condimenti). Lui aggiungeva un po’ di vino bianco quando cuoceva il guanciale. Spesso lo faccio anch’io perché mi ricorda quel gesto di papà. Ma i puristi dicono che il vino non va.

Così come i puristi dicono che all’origine la carbonara andava con i rigatoni ma oggi viene più spesso preparata con gli spaghetti o meglio con i bucatini (a me piacciono molto anche gli spaghettoni). La cosa più importante, al di là degli ingrediente che scegliete, è che non facciate impazzire le uova facendo una carbonara con uova strapazzate e questo avviene perché le uova sono state fatte cuocere, mentre devono essere solo scaldate.

Happy Cooking!

Ingredienti

Per 4 persone

350 g di spaghetti (o spaghettoni)

1 cucchiaio di olio extra vergine d’oliva

120 di guanciale

2 uova 

2 tuorli

100 g di Pecorino Romano fresco grattugiato e/o Grana Padano o Parmigiano Reggiano

Pepe nero macinato fresco

Procedimento

Tagliare il guanciale a dadini.

Cuocere a fiamma bassa il guanciale con l’olio in una padella antiaderente, fino a che comincia a colorire.  Se il guanciale ha grasso a sufficienza, non sarà necessario aggiungere dell’olio. Mentre la pasta cuoce, mescolare le uova ed i tuorli,batterli con il formaggio grattugiato ed il pepe macinato.

Scolare la pasta e condirla con il guanciale ed po’ di acqua di cottura.

Rimuovere la padella dal fuoco, aggiungete le uova con il formaggio ed il pepe e mescolate velocemente. Le uova non devono cuocere, ma formare una salsa cremosa.

Servire immediatamente con altro pepe macinato fresco.

 

Insegnante di cucina, in Italia e all’estero. Organizzo piccoli e grandi eventi, amo ricevere amici a casa, per me ogni singolo giorno è speciale, e mi piace rendere sontuoso anche il piatto più semplice. Amo i colori, e non potrei mai fare a meno dei fiori. Adoro viaggiare, andare per negozi e mercati alla ricerca di accessori per la casa e le mie tavole. Colleziono piatti, tazze, tessuti, biancheria e… libri di cucina!