Trippa al pomodoro

C’è chi la detesta, chi ne va pazzo. Qui, a casa mia, ne siamo tutti pazzi!

La cosa positiva è che la trippa è light, non ha grassi. La cucino al pomodoro, alla romana o all’abruzzese che sia, purchè ci sia quel buon sughetto profumato (di menta se alla romana, di maggiorana se alla mia nonna maniera), in cui intingere del buon pane casereccio un po' tostato…

In macelleria viene venduta già pulita ma il più delle volte non è stata sbollentata per cui bisogna farla cuocere per almeno 1 ora e mezza in acqua bollente con sedano, carota, cipolla e 2 foglie d’alloro. Dopo questa operazione potete procedere nel tagliarla a striscioline, e cuocerla con il pomodoro e odori.

Happy cooking!

Ingredienti

Per 6 persone

1 Kg di trippa mista, sbollentata

1.5 Kg di pomodori pelati

1 cipolla

1 carota

1 pezzo di sedano

Maggiorana

Parmigiano o Pecorino grattugiato

Olio extra vergine d’oliva

Sale

Pepe

Procedimento

Tagliare a striscioline la trippa. In un tegame (preferibilmente di coccio) fare appassire il battuto di cipolla, sedano, carota con 4-5 cucchiai di olio.

Unire i pezzi di trippa, mescolare e successivamente i pomodori spezzettati. Diluire con 500 ml di acqua calda. Coprire e fare cuocere a fiamma molto bassa fino a quando la trippa risulterà morbida e la salsa addensata (circa 1 ora). Salare e pepare a sufficienza e completare con abbondante maggiorana.

Servire con un filo d’olio e del Parmigiano (o Pecorino) grattugiato.

 

Insegnante di cucina, in Italia e all’estero. Organizzo piccoli e grandi eventi, amo ricevere amici a casa, per me ogni singolo giorno è speciale, e mi piace rendere sontuoso anche il piatto più semplice. Amo i colori, e non potrei mai fare a meno dei fiori. Adoro viaggiare, andare per negozi e mercati alla ricerca di accessori per la casa e le mie tavole. Colleziono piatti, tazze, tessuti, biancheria e… libri di cucina!